Racconti Erotici » Sesso di Gruppo » Le due bigotte
due bigotte

Le due bigotte

Quel sabato mattina ero uscito per fare la spesa, c’era brutto tempo, pioveva a dirotto e quindi ho usato la macchina.

Al negozio incontro sempre le stesse persone incluse le due amiche Loredana e Barbara. Non le conoscevo ma in un paesino piccolo come il mio di nome ci si conosce tutti. Forse per il loro atteggiamento da bigotte non hanno mai attratto la mia attenzione.

Finii di fare la spesa ed uscii dal negozio scoprendo che stata diluviando. Corsi in macchina e feci per andare via quando sentii un colpo secco sulla carrozzeria. Frenai e sentii le porte dell’auto aprirsi. Erano Loredana e Barbara che si erano infilate dentro. “piove e siamo zuppe e a piedi ci dai un passaggio?” mi fa Loredana che si era seduta avanti. “con piacere” rispondo chiedendo indicazione su dove dovessi recarmi.

Arrivo sotto casa di Barbara e mi fermo e per ringraziarmi mi invita a salire per un caffè ma io declino però alla sua insistenza accetto. Vedo che scendono entrambe e così spengo l’auto e scendo seguendole. Appena dentro l’ascensore noto che le due si lanciamo sguardi e sorrisi maliziosi e capisco che sto per avere una qualche piacevole sorpresa. Entriamo in casa e Barbara mi indica un divano dove accomodarmi poi mi dice:”siamo fradice ti dispiace se andiamo un attimo ad asciugarci un po’?” ed io “prego siete voi le padrone”. E così sparirono dietro una porta. Dopo qualche minuto di attesa sento sorridere e poi niente altro. Allora mi alzai e andai verso quella porta. La aprii e scoprii che portava in un piccolo corridoio con altre tre porte. Da una di queste provenivano rumori e sospiri profondi. Mi accostai e con mia somma sorpresa vidi una scena molto eccitante.

Barbara era nuda sul letto mentre Loredana con indosso ancora la camicia la stava cavalcando dandosi piacere sul pube dell’amica. Nuda Barbara era una gran bella gnocca: i suoi seni erano enormi ma sodi e tesi, le sue gambe belle, lunghe, affusolate, la sua figa grondava di umori segno che era eccitata ma il suo volto appariva sottomesso. Loredana invece era quasi violenta nel muoversi sull’amica, le sue mani avvinghiate sui seni di Barbara, il suo bacino che spingeva forte per avere il massimo contatto. Che eccitazione nel vedere ciò. Non resistetti a lungo che mi venne voglia di toccarmi. Mi abbassai i pantaloni e i boxer e cominciai a masturbarmi pian piano. Probabilmente in quel gioco Loredana era la dominante mentre Barbara era sottomessa.

Mentre pian piano me lo menavo vedevo i movimenti di Loredana farsi sempre più intensi e veloci, cavalcava l’amica come se fosse impalata su un cazzo ed io immaginavo che li dentro ci fosse il mio di cazzo a godersi quei movimenti sinuosi ed eccitanti. Ad un certo punto Loredana si irrigidì e venne gettando un urlo ed accasciandosi su Barbara. Dopo essersi ripresa si stese sul letto e Barbara prese a baciarla partendo dalla figa mentre con le mani le arriva i bottoni della camicia e metteva in mostra la sua bella terza. Poi Barbara risalì il corpo dell’amica baciandola con gusto passando per i capezzoli fino alla bocca dove con la lingua imitò una penetrazione poi, le mise la figa sulla faccia e fu lei a impalarsi sulla lingua di Loredana. Fu a questo punto che Barbara mi vide mentre mi stavo masturbando. La cosa non le dispiacque affatto perché continuò a farsi infilare la lingua nella figa fa Loredana finché anche lei non venne.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (4 voti, giudizio medio: 4,25 di 5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *