Home » Per Lui » Muffing, la penetrazione trans
Muffing, la penetrazione trans

Muffing, la penetrazione trans

Alcuni trans prima di completare la transizione da uomo a donna scelgono il muffing. Ma cos’è e come funziona?

A molti l’argomento potrebbe anche non interessare, ma c’è chi invece lo vive sulla propria pelle ed è per questo che oggi sono molte le donne e gli uomini trans che cercano di aiutare gli altri per migliorare la vita sessuale anche durante un periodo delicato, come lo è la transizione. In molti sono convinti che manchi l’informazione, così come la presenza di un pene possa mettere a disagio il proprio compagno. Ma come si possono risolvere queste difficoltà per vivere più serenamente il sesso?

Muffing, cos’è e in cosa consiste

Ed è per questo che si parla di muffing, una masturbazione che rientra nel fingering e si pratica durante i rapporti sessuali per raggiungere l’orgasmo. In altre parole è la penetrazione negli orefizi da effettuare con le dita e di cui molte persone non conoscono neanche l’esistenza.

Penetrazione in orefizi, come si pratica

Sopra e dietro i testicoli infatti si trovano i canali inguinali da dove cioè scendono i testicoli, durante lo sviluppo, e risalgono, a contatto con l’acqua fredda. Questi orefizi, essendo coperti dallo strato di pelle, non sono facili da individuare, quindi bisogna tastare delicatamente il proprio pene con le mani. I canali sono larghi quanto un dito e riescono a stringersi in modo esagerato. Curtis Crane, urologo specializzato in chirurgia per il cambiamento del sesso, ci spiega che il muffing è una pratica sessuale molto piacevole e anche sicura, se praticata bene. Sostiene inoltre che con il muffing non serve neanche il lubrificante e che dopo la transizione, con l’intervento di vaginoplastica, questa pratica viene però un po’ abbandonata, nonostante la sua natura così semplice ed efficace per arrivare al piacere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *