Home » Vita di Coppia » Sesso con un robot, 1 su 4 lo farebbe
Sesso con un robot, 1 su 4 lo farebbe

Sesso con un robot, 1 su 4 lo farebbe

In un mondo hi-tech le persone sono pronte anche a provare il sesso con un robot. Secondo un sondaggio, entro il 2050 il numero di gente disposta a fare l’amore con un surrogato è destinato ad aumentare.

Sesso con un robot: Francia e America già un passo avanti

Secondo un sondaggio 1 americano su 4 è disposto a fare sesso con un robot e quasi la metà degli americani, il 49%, sostiene che questo fenomeno sarà sempre più diffuso. Il 24% degli uomini e il 9% delle donne sarebbe infatti favorevole a provare il sesso con un essere non umano. In Francia c’è chi già convive con un robot, come Lily che dopo aver vissuto diverse brutte esperienze con gli uomini ha deciso di convivere con un androide realizzato con la sua stampante e che ha chiamato InMoover. La giovane donna afferma di non aver ancora avuto rapporti intimi ma crede che con l’avanzare della tecnologia anche questa situazione potrebbe migliorare.

Il sesso con un robot è davvero sesso?

Secondo il 33% degli uomini e il 29% delle donne il sesso con un robot si avvicina più all’onanismo, una pratica auto-erotica che prevede il coito interrotto in funzione contraccettiva, che all’unione tra due persone, ancor più se si parla di cunnilingus o fellatio. Il 42% delle persone ritiene il sesso con un robot più sicuro di quello con un essere umano. Gli esperti in cybersecurity non sono d’accordo, anzi sostengono che le bambole dell’amore potrebbero trasformarsi in esseri violenti se soggette ad eventuali hackeraggi.

Entro il 2050 scomparirà la prostituzione

C’è chi inoltre sostiene che grazie alla possibilità di fare sesso con un robot scomparirà, entro il 2050, anche la prostituzione, il mestiere più vecchio del mondo, e di conseguenza la diffusione di malattie sessualmente trasmissibili. La ricercatrice Richardson non è molto d’accordo su questa opinione e afferma che il sesso con il robot uccide le relazioni interpersonali e quel tocco di imprevedibilità che da sempre caratterizza gli esseri umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *