Home » Per Lei » Cos’è l’imene e quali differenze esistono tra donna e donna?
Cos'è l’imene e quali differenze esistono tra donna e donna?

Cos’è l’imene e quali differenze esistono tra donna e donna?

Sapevate che l’imene può avere forme diverse e cosa cambia da donna a donna? Ecco tutto ciò che ancora non conoscete sull’imene.

Il significato della parola imene

La parola ‘‘imene’’ deriva dal termine latino ‘‘hymen’’ che significa ‘‘membrana’’. Dalla parola hymen deriva anche Imeneo, un dio o semidio mitologico votato alle nozze, oppure scritta con la lettera minuscola, cioè ‘‘imeneo’’ sta ad indicare una poesia nuziale.

Cos’è l’imene e in cosa si differenzia da donna a donna

L’imene si trova all’ingresso della vagina ed è formato da una membrana elastica, anche se la sua elasticità non è uguale in tutte le donne. Questa membrana è dotata di una minuscola apertura da dove fuoriesce il flusso mestruale e che non tutte le donne possiedono. Ciò crea qualche problema che si risolve facilmente con un piccolo intervento. Bisogna ricordare che sono state individuate ben 8 tipologie di imene che si differenziano per apertura, forma, etc.

La rottura dell’imene al primo rapporto sessuale: leggenda o realtà

Sfatiamo poi una volta per tutte la leggenda della rottura dell’imene al primo rapporto sessuale. Non è proprio vero perché in alcuni casi l’imene è così elastico da non rompersi del tutto al primo rapporto intimo, oppure è talmente debole da provocarne la rottura praticando sport, come equitazione o atletica, oppure con la masturbazione.

La rottura dell’imene è dolorosa?

Un altro luogo comune da sfatare è quello del dolore provato con la rottura dell’imene. Da giovani è normale sentire un po’ di dolore per via anche dell’inesperienza e che i rapporti sessuali non siano così soddisfacenti tanto da provocare addirittura il vaginismo primario, ovvero la contrazione muscolare della vagina durante la penetrazione. Il dolore che si prova non è necessariamente collegato alla membrana poiché la vagina possiede anche dei muscoli che, soprattutto in caso di verginità, non sono stati ancora usati del tutto. In alcune donne, inoltre, la rottura dell’imene non provoca neanche perdite ematiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *