Home » Per Lui » Gli stereotipi sulle lesbiche da cui dovete liberarvi
Gli stereotipi sulle lesbiche da cui dovete liberarvi

Gli stereotipi sulle lesbiche da cui dovete liberarvi

Uno stereotipo lesbico è un’idea preformata sulle lesbiche, sul perché amano le donne e su come vivono la loro vita. Queste idee vengono spesso prese come verità assolute, ma non è sempre così. Oggi analizzeremo questi stereotipi perpetuati soprattutto dagli uomini e li smonteremo uno alla volta.

  1. La molestia sessuale non è la ragione per cui una donna è lesbica. La percentuale di donne violentate nel mondo è altissima, purtroppo, quindi è normale che tra le vittime vi siano anche delle lesbiche.
  2. L’odio verso gli uomini è un’invenzione degli uomini stessi. Una donna omosessuale ha padre, fratelli e amici che ama indifferentemente dal loro sesso. Semplicemente, non nutre interesse sessuale verso un uomo.
  3. Non ci vuole l’uomo giusto e non c’è una donna che faccia per forza da “uomo” in una coppia. Esistono donne mascoline e donne femminili e ciò non sta ad indicare la loro sessualità o il loro ruolo a letto – e no, non vogliono fare un ménage à trois con voi. L’assenza di un pene durante un rapporto sessuale, non rende il sesso meno vero. Stando ai dati del National Health and Social Life Survey, le donne omosessuali raggiungono più orgasmi delle donne etero – e possono andare avanti per ore! L’utilizzo di strap-on e sex toys non è legge e neanche divieto. Ogni coppia decide autonomamente se utilizzarli o no.
  4. Le belle ragazze possono essere lesbiche, la sessualità non influisce sulla cura del corpo e dell’aspetto. E abbandonate l’idea che una donna decida di fare sesso con un’altra donna perché gli uomini non l’apprezzano. Non siete così determinanti. Fareste sesso con un uomo solo per essere stati rifiutati da una donna? No? Ecco, per una donna non è diverso.
  5. La vostra ragazza bisessuale non è la preda ideale di una donna omosessuale. Gay non significa poligamo o ninfomane. E se una lesbica ci prova con una ragazza etero, non sta cercando di convertirla: sa che l’aspetto femminile non è determinante e provarci è l’unico modo che ha per scoprire se ha delle chance o no.
  6. Non è solo una fase, non per tutte almeno. La sperimentazione è una fase e questo grande insieme include tanto il sesso omosessuale quanto quello etero. Dire ad una donna convinta della propria omosessualità che sta attraversando una fase, è come dire a voi stessi che domani non sarete più etero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *