Home » Vita di Coppia » Perché i belli si lasciano e i brutti no?
Perché i belli si lasciano e i brutti no?

Perché i belli si lasciano e i brutti no?

Sapete perché i belli hanno storie brevi e i brutti relazioni più durature? Ecco spiegato il motivo!

Una psicologa di Harvard ha da poco effettuato uno studio intitolato “Attractiveness and relationship longevity: beauty is not what it is cracked up to beche spiega l’influenza della bellezza nel rapporto di coppia. La Dott.ssa Christine Ma-Kellams, psicologa presso l’Università di Harvard e La Verne in California, grazie a tre esperimenti, ci rivela come le persone più belle esteticamente si lasciano più spesso rispetto ai meno avvenenti, che invece hanno storie più lunghe.

Rapporto tra bellezza e longevità

Con il primo esperimento gli esperti hanno selezionato i visi più attraenti degli annuari del liceo prendendo in considerazione la storia della famiglia. Dai risultati è emerso che i belli di una volta sono oggi divorziati mentre quelli sposati sono i brutti di ieri. Il primo esperimento dunque ha evidenziato un legame tra longevità e bellezza.

Il secondo test ha esaminato le love story dei personaggi famosi confermando che i più attraenti si lasciano spesso e i bruttini no. Secondo l’esperimento, infatti, le celebrità più belle sono anche quelle che hanno avuto più storie e divorzi alle spalle.

Il terzo esperimento invece ha preso in esame le reazioni in base all’impatto visivo. Ai partecipanti sono state fatte vedere delle foto di persone appetibili evidenziando che quelle più attraenti hanno commentato in positivo rispetto ai bruttini. Questo spiega anche il motivo per cui i belli sono attratti dai belli.

A test conclusi è emerso che i belli sanno di esserlo e cercano continuamente conferme anche al di fuori della storia arrivando a tradire, mentre i meno attraenti che si sentono appagati, una volta trovata la loro dolce metà, smettono di cercare altrove.

Non si vive di sola bellezza!

Ma questi esperimenti si sono basati solo sull’impatto visivo, bisognerebbe invece prendere in esame anche il lato emozionale, umano e intellettivo di una persona!

Voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *