Home » Per Lei » Asessualità: problema o orientamento sessuale?
Asessualità: problema o orientamento sessuale?

Asessualità: problema o orientamento sessuale?

Immaginare un mondo in cui il sesso non ha alcun significato, per molti, è davvero difficile. Siamo così abituati a vivere l’attrazione sessuale e tutto ciò che ne concerne, che pensare che per alcuni potrebbe non essere così, è complicato. Tuttavia, per alcune persone è del tutto normale non provare attrazione sessuale; quando ciò si verifica e quando il sesso, per una persona, non riveste alcun significato, parliamo solitamente di asessualità.

L’asessualità non è altro che un orientamento sessuale, come la bisessualità, l’eterosessualità e l’omosessualità. Alcune persone potrebbero credere erroneamente che si tratti di astinenza sessuale, ma in realtà è un discorso ben diverso. L’astinenza sessuale è un atto decisionale, può durare giorni, mesi o anche anni, ma ha un inizio e una fine e sta semplicemente a chi si astiene di decidere quando ricominciare a fare sesso. Gli asessuali, invece, non possono scegliere di accendere o spegnere la propria carica sessuale.

Cos’è realmente l’asessualità

La Asexual Visibility and Education Network’s (AVEN) è stata creata nel 2001 per favorire l’accettazione pubblica dell’asessualità. Inizialmente era formata da un centinaio di persone, ma ad oggi può contare su decine di migliaia di membri. L’AVEN ha anche istituito una campagna settimanale che mira ad informare la collettività sul tema dell’asessualità.

L’asessualità non deve essere per forza assimilata alle disfunzioni sessuali femminili o ai problemi di erezione maschili. Molti asessuali sono fisicamente sani, ma non provano semplicemente il bisogno di far sesso e non c’è nulla di male in questo. L’asessualità perciò non è un problema da curare, ma è semplicemente un orientamento sessuale da accettare e rispettare.

Una persona che fa sesso può diventare asessuale?

Diverse persone si chiedono se una persona che fa sesso può, improvvisamente, diventare asessuale. La risposta tuttavia è più semplice di quello che possiate pensare. Una persona potrebbe credere, erroneamente, di voler/dover fare sesso, quando in realtà sarebbe più a proprio agio non facendolo affatto. Finché questa persona non si conoscerà a fondo, probabilmente farà sesso come tutte le altre. Pensate ai bisessuali che, prima di sperimentare, sono convinti di essere etero. Quindi la risposta è no, non si può diventare asessuali, ma si può scoprire di esserlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *