Home » Per Lei » 6 cose con cui giocare per eccitarlo – escluso il pene
6 cose con cui giocare per eccitarlo – escluso il pene

6 cose con cui giocare per eccitarlo – escluso il pene

Il contatto tra i genitali, durante il sesso, non è tutto. Anche il tocco più delicato di una donna può causare un’erezione. Basta sapere come e dove toccare. La strada più veloce dell’eccitazione sessuale maschile è sicuramente il pene, ma a volte è più divertente scegliere una strada più scenica ed erotica. Ecco sei cose con cui potete giocare per eccitarlo, senza toccare il suo pene.Voi stesse

Guardare una donna che si masturba è come guardare un porno, senza neanche dover cancellare la cronologia del browser una volta finito.

Le sue emozioni

Il cervello è un’enorme zona erogena. Provate a stuzzicare improvvisamente il vostro uomo con frasi piccanti, atteggiamenti sensuali (senza toccarlo), spogliarelli o messaggi erotici. Farà una grande difficoltà a non strapparsi i vestiti di dosso.

I suoi capezzoli

L’unica differenza tra i capezzoli maschili e quelli femminili è che i primi non possono allattare. Per il resto, sono tanto sensibili quanto i vostri. Divertitevi ad accarezzare le loro areole, con le mani, con la lingua. Probabilmente resterete sorpresi entrambi nel vedere quanto sarà eccitato da questa pratica.

La sua prostata

Vi abbiamo già parlato in passato dell’equivalente del punto G al maschile, e lo potrete raggiungere proprio attraverso il suo ano. Parlategli prima di quello che avete intenzione di fare e, se proprio non è d’accordo, chiedetegli se potete stimolare almeno dall’esterno la zona che si trova tra il suo ano e i suoi testicoli: funzionerà comunque e non sapete quanto!

Le sue dita

Prendete la sua mano e divertitevi a fare con le sue dita tutto ciò che fareste con il suo pene.

Il suo sedere

Anche il sedere maschile è sensibile alle stimolazioni come quello femminile. Potete accarezzarlo, palparlo durante un bacio sensuale o, se lui ve lo consente, sculacciarlo energicamente. Non siete le uniche ad eccitarvi al pensiero di dover essere punite!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *