Home » Per Lei » Le donne vogliono la “vagina di Barbie”. Tutta colpa dei porno?
Le donne vogliono la “vagina di Barbie”. Tutta colpa dei porno?

Le donne vogliono la “vagina di Barbie”. Tutta colpa dei porno?

In questi anni la percentuale delle donne che si sottopone a chirurgia estetica vaginale è aumentata considerevolmente. Tutte la vogliono come la “vagina di Barbie”: piccola e con le labbra indentro.

Abbiamo già parlato di vaginoplastica e labioplastica, ovvero gli interventi di chirurgia estetica per prendersi cura delle parti intime femminili. La maggior parte delle donne che si sottopone a queste operazioni, desidera correggere asimmetrie, imperfezioni o i segni del tempo che passano. Oggi invece le donne, anche se non hanno nessuna necessità o difetto estetico, preferiscono operarsi proprio lì per avere la vagina uguale a quella di Barbie. Una vagina piccola con le labbra interiori che a malapena devono intravedersi.

Il motivo è da ricondursi anche al porno: oggi grazie a Internet anche i video hot sono più accessibili e le loro immagini hanno modificato l’immaginario intimo delle donne sempre più dirette verso il canone estetico mostrato nei filmati hard. Spiega il chirurgo plastico Nolan Karp al quotidiano DailyMail che “le donne sono sempre più attente all’aspetto estetico delle loro parti intime e che spesso il consiglio arriva anche dai loro partner, molto più aggiornati ed esperti grazie ad Internet”.

C’è da dire anche che spesso però non si conoscono i rischi a cui si va incontro con questo genere di interventi, in quanto si va ad operare in una zona molto delicata e sensibile quale è la vagina. Il rischio maggiore è quello di contrarre infezioni o provocare sanguinamenti. La raccomandazione degli specialisti? I professionisti consigliano di fare tutti i dovuti controlli e gli accertamenti necessari prima di sottoporsi alle operazioni chirurgiche vaginali e che le donne siano pienamente convinte del desiderio di avere la vagina di Barbie, perché poi tornare indietro sarà più difficile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *