Home » Vita di Coppia » In amore gli italiani sono i più tradizionalisti
gli italiani sono i più romantici con il sesso

In amore gli italiani sono i più tradizionalisti

A quanto pare gli italiani sarebbero i più tradizionalisti d’Europa. Sì dunque a romanticismo e cavalleria in Italia, no invece alle app.

Secondo un sondaggio di Uniplaces effettuato su un campione di 3.000 studenti in Europa, i giovani di oggi preferiscono l’approccio diretto ad un appuntamento piuttosto che conoscere una persona tramite le chat, le app o i siti per incontri. Dall’indagine è emerso che sono soprattutto gli italiani a pensarla così sull’amore e sul sesso: per loro infatti contano di più le amicizie comuni, con il 35%, le uscite serali, con il 29%, e gli incontri all’università, con il 23%, mentre solo il 2% crede negli appuntamenti online. Ciò significa che per i giovani italiani non c’è niente di meglio che un incontro di persona.

Oggi però la tecnologia ha fatto passi da giganti e offre strumenti di comunicazione sempre più efficaci per conoscersi come Facebook, il primo in assoluto per chiedere l’amicizia senza essere troppo invadenti come potrebbe essere chiedere il proprio numero di telefono, seguito da Whatsapp e Instagram.

Per quanto riguarda la cavalleria, gli italiani sono i primi a dichiarare di voler pagare al primo appuntamento. Anche nel resto d’Europa la pensano allo stesso modo: il 40% dei ragazzi intervistati infatti preferisce offrire al primo appuntamento in quanto lo considerano un gesto di cavalleria. Ma a quanto pare sono proprio le ragazze a voler essere trattate alla pari: soltanto il 24% di loro desidera che il ragazzo paghi per loro.

E per il sesso? Anche qui gli italiani in vetta alle classifiche per essere i più romantici d’Europa: il 39% di loro pensa che si debba fare sesso solo quando si tratta di una relazione seria, contro il 28% dell’Europa, sempre meno tradizionalista.

La ricerca ha anche svelato che gli italiani stessi si piacciono molto e che il 17% considera l’Italia il paese più sexy d’Europa. E questo lo pensano anche la Spagna, il Portogallo e la Gran Bretagna, un po’ meno la Germania.

La pensate anche voi così?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *