Home » Per Lui » Bud Sex: Il Sesso tra uomini eterosessuali
rapporto sessuale tra uomini etero

Bud Sex: Il Sesso tra uomini eterosessuali

Bud Sex: un termine che ultimamente sta prendendo piede, ma che molti ancora non conoscono o capiscono. Questa parola significa, letteralmente, “sesso tra amici” ed è riferita agli individui di sesso maschile che fanno sesso con altri uomini, pur non ritenendosi omosessuali.

Lo studio
Tony Silva, dottore in sociologia dell’University of Oregon, ha eseguito uno studio su degli uomini di campagna che si identificavano come eterosessuali, nonostante facessero abitualmente sesso con altri uomini. Secondo quanto emerso dallo studio, coloro che praticano il Bud Sex tendono ad avere un comportamento mascolino, a fare sesso con altri uomini virili, continuando comunque ad identificare se stessi come eterosessuali. Gli stessi sembrano non essere attratti in alcun modo da uomini apertamente gay o effemminati.

Sentirsi più eterosessuali
Il sesso tra uomini etero è più diffuso di quanto possiate pensare. A quanto pare è un’attività in voga tanto in zone suburbane, quanto in alcuni gruppi di motociclisti, confraternite e militari. Alcuni uomini – molti di quelli intervistati da Silva – affermano addirittura di aumentare la propria eterosessualità grazie a questi incontri sessuali con altri uomini. La regola è semplice: basta che anche l’altro uomo sia eterosessuale.

Possibili spiegazioni
Come sappiamo, non è un atteggiamento mascolino o effemminato a definire la sessualità di un uomo. Quindi è davvero possibile che un uomo faccia sesso con altri uomini pur sentendosi eterosessuale? Si e no.

Si, perché il modo in cui ci sentiamo, in cui ci identifichiamo è sempre unico e nessuno può venire a dirci di sentirci diversi dall’idea che abbiamo di noi stessi. No, perché comunque sarebbe una considerazione di sé falsata, probabilmente dai timori riguardo i pregiudizi di una società mai abbastanza aperta alle diverse identità di genere. Gli uomini dello studio, abitavano in zone rurali, dove probabilmente l’apertura mentale riguardo l’identità di genere ha ancora molta strada da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *