Home » Vita di Coppia » La parità dei sessi aiuta la soddisfazione sessuale
soddisfazione nei rapporti sessuali

La parità dei sessi aiuta la soddisfazione sessuale

È proprio vero che la parità dei sessi aiuta la soddisfazione sessuale nella coppia? Secondo uno studio inglese, sì!

Secondo il professor Swami dell’Anglia Ruskin University di Cambridge, la parità dei sessi e il femminismo non sono assolutamente incompatibili con il romanticismo, al contrario, aiutano la soddisfazione e la stabilità nel rapporto di coppia.

Lo psicologo Viren Swami sostiene che non è assolutamente vero che le donne femministe odiano il loro partner e il sesso maschile in generale. Le donne di oggi sono sempre più attive nella società moderna, mostrano un comportamento sessuale più dominante e hanno imparato a comunicare la loro insoddisfazione sessuale in una storia.

Swami ha inoltre analizzato lo studio effettuato dalla psicologa Rudman dove è emerso che gli uomini con una partner femminista hanno una maggiore stabilità nel rapporto di coppia e traggono molte soddisfazioni nei rapporti sessuali. Questo sarebbe il motivo per cui le femministe non sarebbero d’intralcio al romanticismo di coppia, anzi aiuterebbero la stabilità di coppia. A quanto pare però sono molti gli uomini a credere che la parità dei sessi non aiuti il rapporto. Secondo gli studiosi, invece, maggiori sono le uguaglianze lavorative e domestiche tra uomo e donna, maggiore è la stabilità nella relazione, il ché si traduce in una maggiore frequenza dei rapporti sessuali. Swami aggiunge anche che quando i mariti aiutano in casa, si prendono cura dei figli e fanno shopping, i divorzi diminuiscono.

Ma perché la parità dei sessi ci renderebbe più felici? La tradizione culturale, che vede l’uomo dominante e la donna sedotta, renderebbe i due sessi frustrati, limitando la spontaneità a letto, e dunque anche la soddisfazione sessuale. Per fortuna sono numerosi gli studi ad affermare che vi è una maggiore soddisfazione nell’attività sessuale quando la donna non percepisce di essere sottomessa.

E voi, da che parte state?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *