Home » Vita di Coppia » Kamasutra: pro e contro della posizione dell’amazzone
la posizione dell'amazzone

Kamasutra: pro e contro della posizione dell’amazzone

Se amate dominare e avere tutto sotto controllo, anche quando si fa sesso, la posizione dell’amazzone fa proprio al caso vostro. Conosciamo tutti i pro e contro di questa nota posizione del Kamasutra!

La posizione dell’amazzone vede lei sopra di lui, seduta a cavalcioni, che domina e gestisce ritmo e profondità della penetrazione. Nell’antichità questa posizione era conosciuta come la “posizione dell’Andromaca” in onore della sposa di Ettore, l’eroe dell’Iliade, famosa appunto per la pratica di questa posizione che vede la donna attiva.

In questa posizione lei è accovacciata o seduta sull’uomo, che si trova steso a pancia in su e può liberamente usare le mani per palpare, toccare e accarezzare seni, glutei, cosce e fianchi, oltre a stimolare il clitoride. La dominatrice invece può muovere il suo corpo in base all’inclinazione e al movimento che desidera. Per una penetrazione più profonda la donna, ad esempio, può appoggiare le mani sul petto o sulle ginocchia del suo partner e inclinare indietro la schiena.

I pro

È una delle posizioni migliori per favorire una penetrazione più profonda e l’orgasmo vaginale in quanto la donna orienta il suo corpo a seconda dell’inclinazione che le permette di provare e raggiungere l’apice del piacere, oltre a stimolare il punto G.

La posizione dell’amazzone rallenta il piacere nell’uomo, cosa molto utile per chi soffre di eiaculazione precoce. Il piacere maschile tende comunque a salire progressivamente, guardando la sua donna come si muove su di lui oppure ammirando il suo corpo e le sue forme.

I contro

Agli uomini, che non amano essere sottomessi, questa posizione non piace affatto tanto da rallentare il piacere e quindi ritardare l’orgasmo proprio perché non hanno il pieno controllo della situazione.

Secondo recenti studi la posizione dell’amazzone è stata considerata quella più pericolosa per l’uomo in quanto provocherebbe conseguenze abbastanza gravi per il pene, come fratture ed ematomi, oltre a causare un po’ di dolore anche nella donna per via della profondità della penetrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *