Home » Per Lui » Come dovrebbe essere un “bel pene”?
pene-bello

Come dovrebbe essere un “bel pene”?

Al giorno d’oggi sentiamo spesso parlare di canoni di bellezza estetica, ma pochi di voi sapranno che un gruppo di esperti in Svezia ha fatto un’indagine per trovare gli elementi che rendono bello un pene.

Per quanto possa sembrare strana o inusuale, l’indagine aveva, in realtà, uno scopo abbastanza serio. I ricercatori intendevano ottenere indicazioni utili alla chirurgia plastica correttiva per gli individui insoddisfatti dall’aspetto dei propri genitali. L’aspetto del pene è infatti molto importante per un uomo, soprattutto quando si parla di dimensioni o di ipospadia (malformazione che porta ad uno sviluppo anomalo o incompleto del pene e dell’uretra). I dati raccolti avrebbero dovuto fornire delle indicazioni precise su quanto fosse indispensabile intervenire e servire anche da supporto psicologico per gli uomini affetti da tale malformazione.

Lo studio è stato condotto su un campione di oltre 100 donne, le quali hanno dovuto visionare e valutare una serie di foto raffiguranti genitali maschili sottoposti ad interventi chirurgici o naturali. Le donne hanno quindi valutato i membri in base ad otto aspetti differenti, nei quali veniva indicato anche il grado di “normalità” dei peni per fornire una valutazione sull’esito degli interventi.

I risultati indicano che, secondo le donne, un pene può essere ritenuto “bello” e nella norma quando ha un aspetto generale e un pelo pubico in buono stato. Altre caratteristiche come l’aspetto dello scroto, la posizione del meato urinario o anche la lunghezza del membro, non hanno influito particolarmente sul giudizio delle donne sottoposte al test. Le dimensioni sembrano non contare troppo neanche questa volta!

Se perciò avete intenzione di ricorrere alla chirurgia per aumentare le dimensioni dei vostri membri o per correggere leggere ipospadie, pensateci due volte. Molto probabilmente, state dando al problema un peso eccessivo. Un “bel” pene, non deve essere per forza enorme – e sono più di 100 donne a concordare sulla questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *